L’Italia guida la ricerca per la lotta alle frodi

Che danneggiano fortemente il settore dell’olio di oliva


frodi

La lotta alle frodi nel settore dell’olio di oliva è alla continua ricerca di strumenti e metodologie sempre più avanzate. L’Italia è la capofila di un progetto europeo di ricerca che si occuperà di sviluppare nuovi metodi di analisi, e di migliorare quelli esistenti, per l’individuazione delle frodi sull’olio di oliva. Infatti anche le frodi e le sofisticazione sono divenute sempre più raffinate e sono più difficilmente scopribili con i tradizionali metodi di indagine soprattutto analitica.
Il progetto denominato Oleum è finanziato dall’Ue nel Programma quadro di ricerca e innovazione Orizzonte 2020, nell’ambito della Sfida per la società 2 – Sicurezza alimentare, agricoltura e silvicoltura sostenibili, ricerca marina, marittima e sulle acque interne e bioeconomia.
Il progetto Oleum è stato avviato il 1 settembre scorso e avrà una durata di quattro anni ed è coordinato dall’Italia, in particolare dalla Prof. Tullia Gallina Toschi del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro-Alimentari dell’Università di Bologna. Venti partner provenienti da quindici paesi porteranno in seno al progetto competenze diverse che spaziano dall’analisi dei prodotti alimentari, alla legislazione in materia di alimenti, e ancora alla progettazione di attrezzature industriali, alla bioinformatica, alla comunicazione ed allo scambio di conoscenze.
L’obiettivo generale di Oleum è quello di garantire meglio la qualità e l’autenticità dell’olio rafforzando l’individuazione e la prevenzione delle frodi. Tre gli obiettivi strategici:
1. Sviluppare nuovi metodi di analisi, o migliorare quelli esistenti, per la verifica della qualità e della autenticità dell’olio di oliva.
2. Sviluppare una banca dati online del progetto Oleum, contenente i metodi di analisi e i dati relativi alle caratteristiche chimiche e organolettiche degli oli vergini.
3. Sviluppare e sostenere una comunità mondiale di laboratori esperti di analisi dell’olio di oliva (Oleum network).


Pubblica un commento